Perchè le Storiupole?

Durante il lockdown del 2020, quando il mondo sembrava sospeso e nessuno di noi sapeva cosa sarebbe successo, ho cominciato a raccontare storie a mia figlia per rendere le nostre giornate sempre diverse.

Mentre fuori era tutto silenzioso in casa c’era sempre un’avventura da vivere, un’amico da ascoltare e un mondo da scoprire. Abbiamo fatto le valigie immaginarie e siamo partite per qualunque luogo volessimo visitare e chiunque volessimo conoscere. Alcuni amici ci hanno seguito per un po’ e altri si sono aggiunti col tempo.

Il “Nulla” (cit.) non ha vinto, io sono cambiata mentre mia figlia cresceva e ho scoperto che so raccontare storie ai bambini. Queste stesse storie che voglio condividere con chiunque sia ancora in grado di sognare. Di storie ce ne saranno tante altre e spero che possano prendere spunto da un mondo che, dopo il silenzio torna a parlare e cantare con voce nuova e rinnovata. Le mie storie nascono dal desiderio di cambiare faccia e migliorare ciò che sono mantenendo viva l’immaginazione senza lasciarmi appiattire dalla routine e da un mondo che sembra aver dimenticato quanto siano belle le storie a lieto fine.

Pubblicato da

Lupula

Scribacchina, taborer e mamma.

1 commento su “Perchè le Storiupole?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...